U SCAZZAMURRILLE NNAMMURATE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Stève na vèdeve che teneve ‘na figghje bbèlla assaje che facije pèrde ‘a cape pure a u scazzamurrille.

Da u prime mumènde che ‘a videje, u scazzamurrille accummenzaje a runzarle atturne atturne pe tutta ‘a jurnate, ‘a sera se mettéve o ‘mbuste sope u titte d’a case e menave i prète a i ggiuvene che passavene p’a strade ndo abbitave quella bbèlla uagglione.

Quanne se lebberaje da tutt’i nnammurate d’a fegghjole, u scazzamurrille devendaje ancora cchjù azzardatore e cummenzaje a pezzelà ‘a uagglione, scetanne quella puurèlle nd’a nuttate.

‘A fegghjole nen ci’a facije cchjù e nu jurne decije tutte cose a mamme ca sùbbete penzaje de uadagnà da sta setuazzione.

‘A mamme decije a’ figghje de cercà a u scazzamurrille quacche cuperchje.

Esse aveve sendete dì che nda lenghe di scazzamurrille, i cupirchje èrene marènghe e, se vune ‘mmece addummanave marenghe, ce purtave ‘i cupirchje.

Quanne ‘a notte u scazzamurrille turnaje a farece i mmujene, ‘a uagglione diceje de purtà quacche cupirchje.

U scazzamurrille da quella sére, se presendaje sèmbe che quacche marènghe dind’a sacche.

‘A uaglione devendaje ricche ma accumeznzaje a scucciarese e nu jurne addummanaje cume putève lebberarse d’u scazzamurrille che ère devendate fastedjuse.

‘A mamme ce decije d’addummannà cose i piacèsse de cchjù da magnà.

Quanne a fegghjole facije ‘a dumande a u scazzamurrille, quiste respunnije che èrene i “pèttele”.

Seguénne u nzengherjaminde d’a mamme, ‘a fegghjole pegghjaje ‘a farine e accumenzaje a trembà mèndre u scazzamurrille gnuttéve ammacande.

Doppe menaje l’uglje dinde ‘a frezzole e appecciaje u fuche.

Appéne l’uglje abbejaje a freje, mettije i pèttele a vune a vune.

Ésse frejéve e u scazzamurrille magnave, e se ne magnaje tande che ce fuje besugne de n’ata trembate.

Quanne fuje tutte pronte pe a seconde frejetùre, ‘a uagglione addummanaje a u scazzamurrille de dà n’ucchje si ce vuléve l’atu uglje ma quillu fèsse ndo mumènde che s’avasciaje sope ‘a frezzole, u pegghjaje p’i pide e u vuttaje dinde cume na pèttele.

 

IL FOLLETTO INNAMORATO

C’era una vedova che aveva una bellissima figlia che fece innamorare anche il folletto di casa.

Il folletto di casa, dal primo momento che la vide, incominciò a girarle intorno per tutto il giorno, la sera si metteva in agguato sopra il tetto di casa e lanciava sassi ai giovani che passavano per la strada dove abitava la ragazza.

Quando si liberò di tutti gli spasimanti della ragazza, il folletto divenne ancora più audace e cominciò a dare pizzicotti alla ragazza, svegliando, durante la notte, quella poverina.

La ragazza non ce la fece più e un giorno disse tutto alla mamma che subito pensò di guadagnarci da questa situazione.

La mamma disse alla figlia di cercare al folletto qualche coperchio. Lei aveva sentito dire che nella lingua dei folletti, il coperchio erano soldi e, se invece si chiedevano soldi, portava i coperchi.

Quando la notte il folletto tornò a farle le moine, la ragazza gli disse di portare qualche coperchio.

Il folletto da quella sera, si presentò sempre con dei soldi in tasca.

La ragazza diventò ricca ma incominciò a scocciarsi ed un giorno chiese come poteva liberarsi del folletto che era diventato fastidioso.

La mamma le disse di chiedere qual’era la cosa che più desiderasse mangiare.

Quando la ragazza fece la domanda al folletto, questo rispose che erano “le frittelle”.

Seguendo l’istigazione della mamma, la ragazza prese la farina e cominciò ad impastare mentre il folletto gli veniva l’acquolina in bocca.

Dopo versò l’olio nella padella per friggere e accese il fuoco.

Appena l’olio cominciò a friggere, mise le frittelle ad una ad una.

Lei friggeva ed il folletto mangiava e, se ne mangiò tante che ci fu bisogno di un altro impasto.

Quando fu tutto pronto per la seconda frittura, la ragazza chiese al folletto di controllare se occorresse altro olio ma quello scemo nel momento che si abbassò sopra la padella, lo prese per i piedi e lo spinse come se fosse una frittella.