U SCIASKE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

  

 

COSTANTINO CATAPANO

U sciaske

Nen facènne u sciaske, isce a scole,

attinte a quille ca dice u prefessore;

statte a ssènte sèmbe i superiore

ca chi t’u dice, bène te vole.

Ai cumbagne nenn’i jènne ‘ngementanne,

lore, che ttè, hanna stà tutte l’anne;

pinz’a ffà u brave chi vecine.

Àja vulè bène a i crijature;

sint’a mmè; nenn’avè pavure,

ca se hai sbagliate fin’a mmò,

nenn’è ditte ca nen te puje salvà pò.

 

Lo gnorri

Non fare lo gnorri, vai a scuola,

stai attento a quello dice il professore;

stai a sentire sempre i superiori

che te lo dice, ti vuole bene.

Non dar fastidio ai compagni,

perché loro staranno con te per tutto l’anno;

sii rispettoso con i vicini.

Devi voler bene ai bambini;

ascoltami, non aver paura,

che se hai sbagliato fino ad ora,

non è detto che dopo tu ti possa salvare.