U SCKAFFE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

U SCKAFFE

U sckaffe ére nu júche assaje canessciúte e ca facéve devertì tanda uagliúne.

Stu júche se facéve quanne se furmave ‘na bbèlla croscke de uagliúne.

Se menave u túcche e u jucatóre, che asscéve, jéve sotte e:

  • Se mettéve de spalle;
  • C’u palme d’a mana dritte (o d’a mana storte) s’ammucciave l’úcchje accussì ca nen putéve vedè arréte;
  • Mettéve u vrazze stúrte sotte u vrazze dritte (o stúrte) e c’u palme da mane storte (o dritte) ggerate, mbacce a l’ati jucatúre.

Vúne de quiste jucatúre ci’azzèccave n’u sckaffe che tutt’i forze o chiane (quacche vote se usavéne i sóle d’i scarpe, i stajèlle e víja decènne) e quille che stéve sotte s’avéva ggerà e ndevenà chi ére state.

Tramènde quille che stéve sotte avéva ndevenà, tutte l’ati jucatúre facévene ggirà nu díte pe l’àreje.

Si ndevenave chi ére state a dà u sckaffe, quille jéve sotte sennò rumanéve sotte e u júche cundunuuave.

Quacche vote pe pigghjà pe ffèsse quille ca stéve sotte, i jucatúre se nzengrijavene e decévene che nen avéve ngarrate pure quanne ndevenave.

 

LO SCHIAFFO

Lo schiaffo era un gioco molto conosciuta e che faceva divertire tanti ragazzi.

Questo gioco si faceva quando si formava un bel gruppo di ragazzi.

Si faceva la conta e il giocatore, che usciva, andava sotto e:

  • Si metteva di spalle;
  • Con il palmo della mano destra (o della mana sinistra) si nascondeva gli occhi così che non poteva vedere dietro;
  • Metteva il braccio sinistro sotto il braccio destro (o sinistro) e con il palmo della mano sinistra (o destra) girata, in faccia agli altri giocatori.

Uno di questi giocatori gli dava uno schiaffo con tutte le forze o piano (qualche volta si usavano le suole delle scarpe, le stecche di legno e altro) e quello che stava sotto si doveva girare e indovinare chi era stato.

Mentre quello che stava sotto doveva indovinare, tutti gli altri giocatori facevano girare un dito in aria.

Se indovinava chi era stato a dare lo schiaffo, quello andava sotto altrimenti rimaneva sotto e il gioco continuava.

Qualche volta per ingannare quello che stava sotto, i giocatori si mettevano d’accordo e dicevano che aveva sbagliato anche quando aveva indovinato.