U SUTTANE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

U SUTTANE

Ogne vote ca passe p’a strade Mosche,

guarde sèmbe u suttane ando so’ nate

e véde cume nda nu cineme tutt’a vite

c’amme passate ndà quillu bbuche.

 

Pe trasì aviv’anghianà duje rumutale

e, doppe ‘a vetrine e i porte de réte,

steve ‘a stanze ndò mamme facève ‘a sarte

e ndò atturne a bbanghe stèvene i fegghjole.

 

A ssenistre stève ‘a machene pe ccose

e po’ u stipe a mmure chiuse da ‘na vetrine,

ndò se stepave ‘a robbe pe magnà tutt’i jurne

e ati mbicce a rrequèste p’a case.

 

A ddèstre stéve u cèsse, nu stipe c’a porte,

ca quanne jive de curpe, u suttane

se mbuzzenéve e de state e de virne

aviv’arapì ‘a vetrine pe ffà asscì u fite.

 

Sta stanze ére devise da u tramizze de lègne

ndò arréte stéve ‘na rete matremuniale,

i mènzule p’appujà i libbre de scole,

‘a furnacelle, ‘a cavedare e u lavandine.

 

Nda camere da lètte, a ssenistre,

stève ‘a tulètte c’u spècchje

e sop’u mure nu fenestrille che ’na retine vecchje

e ‘na tendine pe nen ffà trasì ‘a lustre.

 

A ddèstre, ammucciate da nu tendone,

stéve u pertone nzerrate ca déve ndò pertone

d’u dettore Lupe, u padrone d’u suttane,

e i mbicce pe ffà u presépeje ch’i mundagne.

 

Po’ stéve ‘a ciufunire che specchje e curnice

e arréte a ‘na tende, o segretè e ‘a rmadeje

stéve u banghe, i firre, i séghe e ndruglje

de falegname e ammucciate ati mbicce.

 

Nda sta case javame a stritte e sagreficate

e quanne se faceve nu poche de mmujine,

subbete se sendeve ‘a voce d’a u fenestrine

d’a Cummare c’abbetave accuste:

 

“Cumma Nnite ffà sta citte a quilli fetinde

ca Mareje stace studianne sope i libbre”.

Ije agghje tenute sèmbe stu penzire:

“Ma stu uaglione nen face maje u fetende?

 

LA CASA A PIANTERRENO

 

Ogni volta che passo per la strada Mosca,

guardo sempre la casa a pianterreno dove sono nato

e vedo come in un cinema tutta la vita

che abbiamo passato in quel buco.

 

Per entrare si salivano due gradini

e, dopo la vetrina e le porte di dietro,

stava la stanza dove mamma faceva la sarta

e dove intorno al tavolo stavano le ragazze.

 

A sinistra stava la macchina da cucire

e poi uno stipo a muro chiuso da una vetrina,

dove si conservava le scorte da mangiare per tutti i giorni

e altre cose di riserva per la casa.

 

A destra stava il gabinetto, uno stipo con la porta,

che quando si andava di corpo, il pianterreno

si ammorbava e d’estate e d’inverno

bisognava aprire la vetrina per far uscire la puzza.

 

Questa stanza era divisa da un tramezzo di legno

dove dietro stava una rete matrimoniale,

le mensole per appoggiare i libri di scuola,

la fornacella, la caldaia e il lavandino.

 

Nella camera da letto, a sinistra,

stava la toletta con lo specchio

e sopra il muro una finestrella con una vecchia retina

e una tendina per non fare entrare la luce.

 

A destra, nascosto da un tendone,

stava il portone chiuso che si collegava con il portone

del dottore Lupo, il padrone del sottano,

e gli impicci per fare il presepe con le montagne.

 

Poi stava il mobile con specchio e cornice

e dietro ad una tenda, al comò e all’armadio

stava il banco, le seghe, gli attrezzi e intrugli

di falegname e nascosti altri impicci.

 

In questa casa stavamo stretti e sacrificati

e quando si faceva un poco di confusione,

subito si sentiva la voce dal finestrino

della comare che abitava a fianco:

 

“Comare Annita fai stare in silenzio quei fetenti

che Mario sta studiando sui libri”.

Io ho avuto sempre questo pensiero:

“Ma questo ragazzo non fa mai il fetente?”