U TAVUTE D’U BBÈCCAMÙRTE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Ce stéve ‘na vóte nu bbèccamùrte ca purtave i murte o cambesande c’u tavute ngulle.

‘Na sére, u tavute ére cchjù pesande de l’ati vóte, e appéne asscìje fóre du pajése, tuzzulaje a case de ‘na cummare e i decìje: “Cuma Ngurnatè, pózze lassà stu tavute pe stanòtte?…. Crammatìne, bbèn di notte, m’u vènghe a ppegghjà!”.

‘A cummare, penzanne ca u tavute ére ammacande, i respunnìje: “Và bbune, cumbà!… Però m’arraccumanne, tine penzire!”.

U bbeccamurte salutaje ‘a cummare e sse ne jìje a casa suje.

‘A matina dóppe, prim’angòre che u galle candave, tuzzulaje a pórte d’a case d’a cummare e ddecìje: “Ngurnatè, arape, ca m’agghja pegghjà ‘a mòrte!”.

Quelle pegghjaje ‘a gròssa pragghjocchele, arapìje ‘a pórte e se mettìje a mmenà taccarate a rritt’e a mmanghe!.

U cumbare bbèccamùrte facìje a ttimb’a cciaffà u tavute c’a mòrta dinde e sse ne fujìje cume ‘na sajètte vèrs’u cambasande.

Dóppe che avéve sestemate u tavute o cambesande, u povere bèccamùrte avìja jì de carrére a Crocia Vèrde pe ffarese curà i bbebbune che tenéve ngape.

E qquiste pecchè succedìje?…. Pecchè isse nz’ére spiegate bbune c’a cummare ca u tavute ére mmacande.

 

LA BARA DEL BECCHINO

C’era una volta un becchino che portava i morti al camposanto con la bara sulle spalle.

Una sera, la bara era più pesante del solito, e appena uscito fuori dal paese, bussò alla casa di una comare e le disse: “Commare Incoronata, posso lasciare questa bara per questa notte?…. Domani mattina, molto presto, me lo vengo a prendere!”.

La comare, pensando che la bara fosse vuota, rispose: “Va bene, compare!!!…..Però mi raccomando, ricordati!”.

Il becchino salutò la comare e se ne andò a casa sua.

La mattina dopo, prima del canto del gallo, bussò alla porta della casa della comare e disse: “Incoronata, apri la porta che mi devo prendere la morta!”.

Quella prese un grosso bastone nodoso, aprì la porta e se mise a picchiarlo da tutte le parti.

Il compare becchino fece appena in tempo a prendere la bara con la morta dentro e se ne scappò come un fulmine verso il camposanto.

Dopo che aveva sistemato la bara al cimitero, il povero becchino dovette andare alla Croce Verde per farsi curare i bernoccoli che aveva sulla testa.

E questo perché successe?…. Perché lui non si era spiegato bene con la comare che la bara non era vuota.