U TESTAMÈNDE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

  

Ghíje, sòtta sòtte scritte, Luuigge Parlaprèste, ditte “’A vocche”, c’a cape che agghje sèmbe tenúte pe mandenè stu píseme d‘a famiglje e che tutt‘a forze míje de cúrpe e de cape, mò m’abbíje a scrive quille che sonne lúteme vulundà míje.

Tande p’abbijà, stu testamènde valè se ghíje avessa murì prime de mugghjéreme, si mméce, cúme ghíje vularríje, avessa sckattà prim’èsse, chi troue pe case stu pìzze de carte l’adda ffà a ppizze e ppetazze.

Cúm’agghje ditte sópe, songhe Luuigge Parlaprèste, p’i cumbagne “Ggine”, e seccóme agghja scrive lúteme vulundà míje, mò, lundanasíje si pe sbaglje avéssa murì prime íje, nen me facíte nu funerale chjíne de sfarze pecché íje songhe state sèmbe n’óme abbasate e me sonne piaciúte sèmbe i cose sèmblece.

Nen vogghje cusscíne e fiúre, sonne solde jettate; m’avaste ‘na gherlande.

U tavúte, n’adda ésse de légne de àreve de cerase ma de nu legname che nen ze nfracetéje sùbbete.

Mugghjéra míje, nen chiamanne ‘a vetamobbele a bbenzíne pecché coste assaje e nen sacce cúme ‘a faciarrisse a pagà.

U saje che songhe state sèmbe vúne che s’è adattate e pe quiste m’avastene otte vrazze c’avezene sta cascetelle che sti quatte ossere e a mèttene sópe a nu trajíne carrijate da otte cavalle, si sonne assaje vanne bbùne pure sètte, bbaste ca sonne quilli grusse pecché quiste è sèmbe state u vulíje míje.

Po’, ffà cúme vuje tu, bbaste che nen ce facíme tredecà.

Tu u saje che songhe state sèmbe nu sandarille e vularríje apprisse doje capedepèzze, cchjù assaje no pecché costene; prívete e múnece quanne cchjù ne puje truvà.

Mugghjéra míje, nen te pegghjanne u fastídeje de venì a chiagne mbaccia u nicchje, a me baste ca staje bbòne pecché si staje malate nen me puje venì a truuà.

Mugghjéra míje, perduneme nu poche pecché mo’ vogghje parlà chi figghje míje e pure túje.

Figghje míje, vuliteme sèmbe bbène e teniteme ndo córe e penzate ca songhe state sèmbe nu grusse fategatóre senza fatíghe e ve lasse quille ca m’a lassate pateme: NINDE.

U sacce che éje poche ma cchjù di quiste nen tènghe e po’ chi i tímbe che correne éje deffícele dà quacche cóse.

Mugghjéra míje, a te t’agghja ffà ‘na bbèlla parlate; ghíje tu vulesse rumanì chisà che cóse, ma t’u saje nda vita míje agghje fatte sèmbe i cóse èguale; pe quiste, mugghjéra míje, te lasse quille che agghje lassate e figghje túje.

Si quiste nen te piace, allóre, mure pe prime accussì te pigghje tu sta grossa respunzabbeletà.

C’a féde ca m’à date Ddíje, scrive sotta sotte:

Luuigge Parlaprèste, ditte “’A vocche” e p’i cumbagne “Ggine”.

 

IL TESTAMENTO

Io, sottoscritto, Luigi Parlapreste, detto “La bocca”, con la testa che ho sempre avuto per mantenere questo peso della famiglia e con tutte le mie forze di corpo e di testa, ora inizio a scrivere quelle che sono le mie ultime volontà.

Tanto per iniziare, questo testamento vale se io dovessi morire prima di mia moglie, se invece, come io vorrei, dovesse morire prima lei, chi trova per caso questo pezzo di carta lo deve strappare a pezzettini.

Come ho detto sopra, sono Luigi Parlapreste, per gli amici “Gino”, e siccome devo scrivere le mie ultime volontà, ora, lontano sia se per errore dovessi morire prima io, non mi fate un funerale sfarzoso perché io sono stato sempre un uomo senza pretese e mi sono sempre piaciute le cose semplici.

Non voglio cuscini di fiori, sono soldi buttati, mi basta una ghirlanda.

La bara, non dev’essere di ciliegio ma di un legno che non marcisca subito.

Moglie mia, non prendere il carro funebre a benzina perché costa molto e non so come faresti a pagarlo.

Lo sai che sono stato sempre uno che si è adattato e per questo mi bastano otto braccia che alzano questa cassetta con queste quattro ossa e la mette sopra a un carro agricolo trainato da otto cavalli, se sono molti vanno bene anche sette, l’importante che sono quelli grandi perché questo è sempre stato il mio desiderio.

Poi, fai come vuoi, l’importante che non ci facciamo criticare.

Tu lo sai che sono stato sempre un santarellino e vorrei dietro due suore, di più no perché costano, preti e monaci quanti più ne puoi trovare.

Moglie mia, non prenderti il fastidio di venire a piangere vicino al loculo, mi basta che stai bene perché se stai male non mi puoi venire a trovarmi.

Moglie mia, perdonami perché ora voglio parlare con i figli miei e pure i tuoi.

Figli miei, vogliatemi sempre bene e tenetemi nel cuore e pensate che sono stato un grande lavoratore disoccupato e vi lascio quello che mi ha lasciato mio padre: NIENTE.

Lo so che è poco ma più di questo non ne ho e poi con i tempi che corrono è difficile dare qualcosa.

Moglie mia, con te devo fare un bel discorso, io ti vorrei lasciare tante cose, ma tu sai che nella mia vita ho fatto sempre le cose uguali, per questo, moglie mia, ti lascio quello che ho lasciato ai tuoi figli.

Se questo non ti piace, allora, muori per prima così ti prendi tu questa grossa responsabilità.

Con la fede che mi ha dato Dio, scrivo in fondo:

Luigi Parlapreste, detto “La bocca” e per gli amici “Gino”