U VECCHJARILLE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

U VECCHJARILLE

Sorte e mmorte stánne arret’a porte,

penzáve nu vecchjarílle che stéve mbúnde de morte.

Che nu felílle de voce decíje ‘a mugghjére,

che s’éve avvecenà ‘na zènne pe piacére.

 

“Marije t’arrecurde quánne sò partíte p’a gguèrre,

è sò turnáte pe ‘na sorte de ssfèrre?

Tu stíve sèmbe accust’a mmè cúm’a gramégne,

che tánda amóre e tánda sdègne”.

 

“Marije t’arrecurde quánne sóp’a vianove facíje u ngedènde,

pe colpa míje e nìnde putíje pretènde?

Tu stíve sèmbe accust’a mmè cúm’a gramégne,

che tánda amóre e tánda sdègne”.

 

“Marije t’arrecurde quánne me sò rútte nu vrázze,

e pe passà bbùne ce vulíje tánda trapázze?

Tu stíve sèmbe accust’a mmè cúm’a gramégne,

che tánda amóre e tánda sdègne.

 

“Marije accust’a mmè stáje púre mò che me more,

cúm’e ‘na pandásme sènza ffà remore.

Marije, sánghe de la Majèlle,

nn’è che tu me purtásse jèlle?”

 

IL VECCHIETTO

Sorte e morte stanno dietro la porta,

pensava un vecchietto ch’era in punto di morte.

Con un filo di voce disse alla moglie,

che doveva avvicinarsi un poco per piacere.

 

“Maria ti ricordi quando sono partito per la guerra,

e sono tornato con una grossa ferita?

Tu mi eri sempre vicino come la gramigna,

con tanto amore e con tanto sdegno.”

 

“Maria ti ricordi quando sulla strada asfaltata feci l’incidente,

per colpa mia e niente potei pretendere?

Tu mi eri sempre vicino come la gramigna,

con tanto amore e con tanto sdegno.”

 

“Maria ti ricordi quando mi sono rotto un braccio,

e per guarire ci volle tanta fatica.

Tu mi eri sempre vicino come la gramigna,

con tanto amore e con tanto sdegno.”

 

“Maria vicino a me sei anche adesso che sto morendo,

come un fantasma senza far rumore.

Maria, per la Maiella,

non è che tu mi porti sfiga?”