U VÌZZEJE DE MAGNÀ

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Stéve nu vegnarúle che vevève nda nu casenètte ammizze a vígne e a matíne s’avezave prèste, appecciave u fúche, se preparave nu poche de panecútte e dope s’appecciave ‘a pippe e se facéve ‘na fumate.

Quann’ ère l’óre che quase sembe passave u patrúne, si dève nu poche da fà pe fà vedè che tenève da fategà.

U patrúne, vedénnele sèmbe allègre, u mmedijave pecchè isse, nvéce, suffrève da tanda timbe de nu sacche de malatíje e ‘na vote ci’addummannaje: “Ma tu cúme faje a stà sèmbe chi sckacche mbacce? Íje, che songhe cchjù ggiovene de te, quase quase ne mme n’a fide manghe de stà alèrte, nvece tu pare u quadre d’a salúte”.

“Eh, padróne míje, – respunníje u vegnarúle – tu bbaste che te live u vizzeje de magnà, ca po’ vide che te sínde mègghje de me!”.

U patrúne apprezzaje u cunziglje d’u vegnarúle e accumenzaje a nen magnà cchjù.

U patrúne, a fureje de nen magnà né ogge e né cràje, s’ammalaje addaveramènde tande da chiamà u prévete e u nutare.

U povere crestijane se cunbussaje ma quanne avèva fà u destamènte ère oramaje senza voce però smanijave e guardave a ritte e a manche cúme si cercasse quacchèdune.

Quanne vedíje trasì u vegnarúle che l’avève cunzegliate de luuàrse u vìzzeje de magnà, tutte tremanne u segnalaje c’u díte pe darce ‘a colpe d’a desgrazzije súje e sùbbete díje l’àneme a Ddíje.

U nutare capíje ‘na cóse pe n’avete e dechiaraje sópe a l’atte che, annanze a isse, u patrúne avéve segnalate u vegnarúle cúme l’ùneche e ssule éréde de tutte i prupejetà.

 

IL VIZIO DI MANGIARE

C’era un vignaiolo che viveva una casupola in mezzo alla vigna e la mattina si alzava presto, accendeva il fuoco, si preparava un po’ di pancotto e dopo si accendeva la pipa e si faceva una fumata.

Quando arrivava l’ora in cui il padrone passava a controllare, faceva finta di lavorare per dimostrare che aveva da fare.

Il padrone, vedendolo sempre allegro lo invidiava perché, invece, lui soffriva da tanto tempo di tante malattie e una volta gli chiese: “Ma tu come fai ad avere sempre la faccia colorita? Io, che sono più giovane di te, quasi quasi non ce la faccio neanche a stare in piedi, invece tu sembri le sembianze di uno che gode buona salute”.

Eh, padrone mio, – rispose il vignaiolo – tu basta che non mangi più, così vedrai come ti sentirai meglio di me!”.

Il padrone apprezzò il consiglio del vignaiolo e incominciò a non mangiare più.

Il padrone, siccome non mangiava più da parecchi giorni, si ammalò veramente e in maniera grave tanto da far chiamare il prete ed il notaio.

Il pover’uomo si confessò ma quando doveva fare il testamento era ormai senza voce però smaniava e guardava in giro come se cercasse qualcuno.

Quando vide entrare il vignaiolo che lo aveva consigliato di non mangiare più, tutto tremante lo segnalò con il dito per dargli la colpa della sua disgrazia e subito dopo morì.

Il notaio capì una cosa per un’altra e dichiarò sull’atto che, davanti alui, il padrone aveva segnalato il vignaiolo come unico erede di tutte le proprietà