ZOMBA PILA PILA

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

ZOMBA PILA PILA

U júche se facéve tra séje o otte uagliúne.

Se furmavene doje squadre e se terave u tucche pe vedè chi avève jì sotte.

‘A squadre che avève jì sòtte èrene i “Cavalle” e quill’avete èrene i “Cavalire”.

A fíne d’a prima júcate se cagnavene.

Tutte i júcature d’a squadre di “Cavalle”, s’avévene mètte vúne arréte a n’àvete, c’u bbúste chjegate annanze, c’a cape appujate o cúle e i vrazze strinde e fianghe d’u cumbagne annanze.

U prime “Cavalle”, mettève ‘a cape appujate ‘a trippe d’a “Mamme” (u cumbagne cchjù grusse di “cavalle”che stève appujate o mure cúme n’u pale, chi mane ngruciate sópe ‘a trippe pe frenà i colpe).

I “Cavalire”, vúne dope n’àvete, pegghjavene u sbalanze e lucculanne “zombe pila pila e vúne”, “zombe pila pila e duje” e “zombe pila pila e ttrè”, zumpavene, rasènde rasènde, sope i spalle di “Cavalle” e cèrcavene d’arrevà cchjù vecíne a “Mamme” pe lassà spazeje a l’ati “Cavalire”.

Tramènde i “Cavaliri” zumbave e lucculave “zombe pila pila e…….” l’ati uagliune lucculavene “….e mammete téne li pile ammizze i cosse e ci conde a vune a vune“.

Doppe ca tutt’i “Cavalire” avèvene zumbate, sbattèvene i mane pe fà vedè che nen se mandenèvene e nen tenèvene i pide pe ndèrre.

‘A squadre di “Cavalle” avève suppurtà u píseme e nissciúne avève sghenucchjà, sennò avève sta sotte n’ata vote e rumanèvene accussì fíne a quanne u cape nen deceve “vune, duje e ttrè”.

 

SALTO A PELO PELO

Il gioco si facevae tra sei e otto ragazzi.

Si formavano due squadre e si faceva la conta per vedere chi doveva stare sotto.

La squadra che doveva stare sotto erano i “Cavalli” e gli altri erano i “Cavalieri”.

Alla fine della prima giocata si scambiavano i ruoli.

Tutti i giocatori della squadra dei “Cavalli”, si dovevano mettere uno dietro l’altro, con il busto piegato davanti, con la testa appoggiata al sedere e le braccia strette ai fianchi del compagno davanti.

Il primo “Cavallo”, metteva la testa appoggiata alla pancia della “Mamma” (il compagno più grosso dei “cavalli” che stava appoggiato al muro come un palo, con le mani ingrociate sopra la pancia per frenare i colpi).

I “Cavaliere”, uno dopo l’altro, prendevano lo slancio e gridavano “zombe pila pila e uno”, “zombe pila pila e due” e “zombe pila pila e tre”, ecc., saltavano, rasentando le spalle dei “Cavalli” e cercavano di arrivare più vicino alla “Mamma” per lasciare spazio agli altri “Cavaliere”.

Mentre i “Cavalieri” saltavano e gridavano “zombe pila pila e…….” gli altri ragazzi  gridavano “….e tua madre tiene i peli in mezzo alle gambe e glieli conto ad uno a uno“.

Dopo che i “Cavalieri” erano saltati, battevano le mani per far vedere che non si tenevano e non avevano i piedi per terra.

La squadra dei “Cavalli” doveva sopportare il peso e nessuno doveva cedere con le ginocchia, altrimenti doveva stare sotto un’altra volta e rimanevano così fino a quando il capo non diceva “uno, due e tre”.