A CAP’AMMUCCIÀ

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

 

 

A CAP’AMMUCCIÀ

I jucatúre avévene èsse alméne trè ma cchjù érene e mègghje ére.

U júche  se facéve ammizze a strade, dinde i curtigghje d’i palazze o dìnde qualungue poste ndò i jucatúre se putévene ammuccià.

Prime d’abbijà a jucà se menave u túcche pe vedè chi stéve “sòtte”, che l’úcchje chiúse, c’a facce, accumegghjate ch’i mane e appujate o múre (a celle).

Quille che stéve “sòtte” avéve cundà, lucculanne, fin’a u nnumere stabbelíte prime, tramènde l’ati jucatúre se jévene ammuccià.

Quanne avéve fenúte de cundà, lucculave: “chi stace dìnde stace dìnde, chi stace fóre stace fóre”, se ggerave e accumenzave a cercà l’ati jucatúre.

Cúme vedéve quacchèvúne, curréve ndréte, sbattéve ‘a mane mbacce a celle, lucculave u nnome e decéve: “T’agghje viste”, “T’agghje fatte”, “Issce fóre”.

L’ati jucatúre se putévene ammuccià mégghje e avvecenarese “a celle”.

U jucatóre che, sènze èsse viste, sbattéve a mane sópe “ ’a celle” e lucculave: “celle”, ére salve.

Lúteme jucatóre che angóre nen venéve truuate e che riussceve a tuccà ‘a celle e lucculà:

Celle, salve tutte quande

lebberave tutt’i cumbagne che érene state “fatte”.

 Nda stu case rumanéve “sòtte” u stesse jucatóre sennò jéve “sòtte” u prime che ére state “fatte”.

 

A NASCONDINO

I giocatori dovevano essere almeno tre ma più erano e meglio era.

Il gioco  si svolgeva in mezzo alla strada, nei cortili dei palazzi o in qualunque dove i giocatori si potevano nascondere.

Prima d’iniziare a giocare se faceva la conta per vedere chi stava “sotto”, con gli occhi chiusi, con la faccia, coperta con lei mani e appoggiata al muro (la cella).

Quello che stava “sotto” doveva contare, gridando, fino al numero stabilito in precedenza, mentre gli altri giocatori andavano a nascondersi.

 

Quando aveva finito di contare, gridava: “chi sta dentro sta dentro, chi sta fuori sta fuori”, si girava e incominciava a cercare gli altri giocatori.

Come vedeva qualcuno, correva indietro, sbatteva la mano sul muro della celle, gridava il nome e diceve: “Ti ho visto”, “Ti ho scoperto”, “Esci fuori”.

Gli altri giocatori si potevano nascondere meglio e avvicinarsi “alla cella”.

Il giocatore che, senza essere visto, batteva la mano sopra “la cella” e gridava: “cella”, era salvo.

L’ultimo giocatore che ancora non veniva trovato e che riusciva a toccare la cella e gridava:

Cella, salvi tutti quanti” liberava tutti i compagni che erano stati “scoperti”.

In questo caso rimaneva “sotto” lo stesso giocatore altrimenti andava “sòtto” il primo che era stato “scoperto”.