‘A GUÈRRE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

‘A GUÈRRE

Sonne passate tant’anne da quillu jùrne

che m’ànne rechiamate pe jì a guèrre.

Quase quase stéve jènne ndèrre

pe tutt’i penzíre che me ggeràvene atturne.

 

Studìnde, prevessùre, signùre e mbiègate

ch’i bbandìre e ch’i stressciùne facévene curtéje

candavene e lucculavene “Èvvive l’Itàleje!”

“Cacciame i stranìre d’a i tèrre nostre!”.

 

Èrene jurnate bbèlle e tutt’érene mbambalúte,

morre de uagliungille ch’i bbanderèlle mmane

fujévene p’i strade facènne tanta mmujíne

e vecíne i múre tanda manefèste culurate.

 

Arrevaje ‘a partènze e che quatte cusarèlle,

jémme a stazzióne che tutt’i parinde.

Éravame allègre cúme a ‘na scambagnate

sènza penzà che forse ère lúteme júrne bbèlle.

 

Doppe vestute e mbarate a usà fucíle e bbaijunètte

ci’ànne mannate a murì pe l’Itàleje bbèlle.

‘A guèrre éje bbrutta e ìje ca purtave ‘a bbarrelle

agghje viste ‘a paúre, u curagge e ‘a morte.

 

Mò, pure íje nen ce stènghe cchjù, cundende

songhe júte a llà da i cumbagne mìje.

A qquà stènghe ammizze a ‘na bbèlla ggenìje

e quanne ce recordene, nùje ruspunneme: PRESÈNDE!

 

LA GUERRA

Sono passati tanti anni da quel giorno

che mi hanno richiamato per andare in guerra.

Quasi quasi stavo andando per terra

Per tutti i pensieri che mi giravano intorno.

 

Studenti, professori, signori e impiegati

Con le bandiere e con striscioni facevano cortei

cantavano e gridavano “Viva l’Italia!”

“Cacciamo gli stranieri dalle nostre terre!”.

 

Erano giornate belle e tutti erano esaltati,

gruppi di ragazzini con le bandierine in mano

correvano per le strade facendo tanta confusione

e vicino ai muri tanti manifesti colorati.

 

Arrivò la partenza e con quattro piccole cose,

andammo alla stazione con tutti i parenti.

Eravamo allegri come ad una scampagnata

senza pensare che forse era l’ultimo giorno bello.

 

Dopo averci vestiti e imparato ad usare fucile e baionetta

ci hanno inviati a morire per l’Italia bella.

La guerra è brutta ed io barelliere

ho visto la paura, il coraggio e la morte.

 

Ora, pure io non ci sono più, contento

sono andato là dai miei compagni.

Qui sto in mezzo a una bella generazione

e quando ci ricordano, noi rispondiamo: PRESENTE!