‘A MALA LÈNGHE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

‘A mala lènghe

A chi dac’e a chi prumètte,

da quella vocca èscene sajètte,

na ‘ndracchièra, ca nen se trovene paragge,

come tènu core, tèn’a facce.

E’ n’attacch’e sciugghie, mascìale,

di chi èja – èja dice male;

nen ce lasse manc’a Criste ‘nda Chestodeje,

se trov’a tutte vanne pe destemoneje.

T’appizzeche, si – pe – no, na cammise de pèce,

giuranne ca buscije nenne dice,

frubbecejèje a straneje, parinte, amice,

e tutte quante maledice.

Giure ch’à viste ‘a quella che tizeje e caje;

– mmèce puverèll’a ‘ndò maje –;

u padre de quille è nu segnore,

a mamme, na furretane, facève furore!

Mar’a chi ce capete sotte,

nesciune fa passà lisce e mène botte;

fèmmene, ummene, a tutt’ngnure,

s’enganne a cusciènza sènza pavure.

 

La pettegola

A chi da e a chi promette,

da quella bocca escono fulmini,

una linguacciuta che non ci sono paragoni,

così come ha il cuore, ha la faccia.

E’ una lingua malefica,

di chiunque parla male;

Non ci lascia neanche Cristo sull’altare,

non ci lascia nessuno per testimone.

Ti appiccica, all’improvviso, una camicia di pece,

giurando che non dice bugie,

critica estranei, parenti, amici

e maledice tutti.

Giura che ha vista quella con tizio e caio;

– invece poverina quando mai –

il padre di quello è un signore,

la madre, una contadina, faceva furore!

Guai a chi ci capita sotto,

nessuna la passa liscia e tira colpi;

donne, uomini a tutti ingiuria,

s’inganna la coscienza senza paura.