A NZOTTAMURE

Cliccare su questo pulsante Giochi di strada per tornare all’elenco dei Giochi di strada

 

A NZOTTAMÚRE

Pe jucà a nzottamúre se usavene:

  • I ggnèlle o i ggnellúne (i bbettúne d’i vrache o di ggiacchètte);
  • I ferrúzze (i bbettúne de ottóne di devíse meletare);
  • I stagnarille (i tappe d’a gazzose, d’a bbìrre);
  • I solde (u solde, dúje solde, u quatte solde, a mezzalíre).

U júche venéve fatte da dúje o cchjù uaggliúne.

I júcature capavene u múre e menave u túcche pe vedè chi ére u prime a jucà e se mettéve a ‘na distanze de 4-6 mt d‘o múre.

‘A gnèlle o quille che se jucave (furmèlle, gnellune, ferrúzze, stagnarille, munéte) se mettéve sópe u detóne e l’ìnnece e che nu tìcchete se facéve ssciuulà pe ndèrre pe falle jì cchjù nzòttamúre.

Dope che tutt’i júcature avévene menate, u prime jucatóre mesurave a destanze d’i gnèlle d’o mure, c’u palme d’a mane.

U jucatóre che avéve fatte jì ‘a gnèlle o quille che se jucave (furmèlle, gnellune, ferrúzze, stagnarille, munéte) cchjù nzottamúre, vengéve e se pegghjave tutte quille che stéve pe ndèrre.

U juche cundenuave fine a quanne i jucature nen venévene scupalate.

Tra i júcature stéve sèmbe quacche capuzzille che ssciarrijave pecché perdève.

 

A SOTTO IL MURO

Per giocare a sotto il muro servivono:

  • I bottoni dei pantaloni o delle giacche;
  • I bottoni di metallo delle divise militari;
  • I tappi delle bibite e della birra;
  • I soldi di metallo (il soldo, due soldi, il quattro soldi, la mezza lira).

Il gioco veniva fatto da due o più ragazzi.

I giocatori sceglievano il muro e facevano la conta per vedere chi era il primo a giocare e si metteve a una distanza di 4-6 m. dal muro.

Il bottone o quello che si giocava (bottoni, bottoni grandi, bottoni di metallo, tappi delle bibite, monete) si metteva sopra il pollice e l’indice e con un movimento delle due dita si faceva scivolare per terra per farlo andare il più possibile attaccato al muro.

Dopo che tutti i giocatori avevano lanciato, il primo giocatore misurava la distanza dei bottoni dal muro, con il palmo della mano.

Il giocatore che era riuscito a far andare il bottone o quello che si giocava (bottoni, bottoni grandi, bottoni di metallo, tappi delle bibite, monete) più vicino al muro, vinceva e si prendeva tutto ciò che stava per terra.

Il gioco continuava fino a quando i giocatori rimanevano senza i bottoni, senza i tappi o senza le monete.

Tra i giocatori stava sempre qualche irascibile che litigava perché perdeva.