‘A ZURUBBÈTTE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

‘A zurubbètte

A zurubbètte, core mije, cchè sapretèzze,

quanne nevecave ère na prejèzze:

de nève se pegghiave na ciambate

‘nzopa – ‘nzope, senza mmaculejate;

se ignève na zupperèlle arrepezzate,

na squicce de muste cutte s’ammesckave,

e subbete u vutta-vutte di crijucce s’accumenzave;

tutt’anzìme se menavene, cum’è na sajètte,

pe putè acciaffà cchiù zurubbètte.

 

La granatina

La granatina, cuore mio, è molto saporita,

quando nevicava era una gioia:

si prendeva una manciata di neve

sopra sopra, senza sporcarla;

si riempiva una piccola zuppiera semi rotta,

si mischiava una goccia di mosto cotto,

e immediatamente uno spingi-spingi di bambini incominciava;

tutti insieme si lanciavano come un fulmine,

per potersi prendere più granatina.