AÙREJE PE NATÁLE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

AÙREJE PE NATÁLE

Ècche!! È rreváte n’ate vúne frissche frissche,

che stammatíne ce vóle purtà u ddefrisske.

Mètte anzime quátte papocchje,

sènze sapè si mánghe ci’accocchje.

 

Me vularissive ffà nu cazzijatóne,

ma sò sckitte quátte vèrse cafóne.

Che vulíte ténghe sèmbe i mmáne mbriste

e ògge de papocchje agghje fátte  pruvviste.

 

Mberciò stitéve attinde e nne sckandáte,

ògge ve porte ‘na mbassciáte!

Aùreje a tutte-quánde pe Natále,

a chi stáce bbùne e a chi stáce nd’o spedále.

 

A chi stáce p’a prejèzze,

e a chi stáce p’a trestèzze.

A chi se sénde pèrze,

e a chi s’è avezáte ‘a smèrze.

 

A chi à fátte ‘i cúnde sènz’u candeníre,

e mò è rrumaste sènze mánghe ‘na líre.

A chi l’anne pigghjáte a d’úcchje

e fernute chjíne de pedúcchje

 

É luuére che ‘na vòte eraváme cchjù cundènde,

mò stíme tutte-quánde cchjù malamènde!

Ma è Natále púre si na zènne mússce,

e tutte amizz‘u lareghe a ffà u strússce!

 

C’a bbon’aùreje e’ luceríne vecíne e lundáne,

pe Natále,Ccapedánne e Befáne,

Stíme ‘a fenetoreje e vù diche sckètte, sckètte,

vúje v’avarisse recurdatà de mannárme ‘a mbèrte!

 

GLI AUGURI DI NATALE

Ecco è arrivato un altro fresco, fresco,

che stamattina ci vuole portare sollievo.

Mette insieme quattro sciocchezze,

senza sapere neanche se sono pertinenti.

 

Mi vorreste fare una bella rimproverata,

ma sono solo quattro versi molto semplici.

Mi dovete scusare ma ho sempre le mani in movimento,

e oggi di sciocchezze ne ho fatto provvista.

 

Perciò prestate attenzione e non vi spaventate,

oggi vi porto un messaggio.

Auguri a tutti quanti per Natale,

a chi sta bene e chi è ricoverato.

 

A chi è pieno di gioia,

e a chi è pieno di tristezza.

A chi si sente perso,

 e a chi si è alzato storto.

 

A chi ha fatto i conti senza l’oste,

e adesso è rimasto senza una lira.

A chi hanno gettato il malocchio,

 ed è finito in miseria.

 

È vero che una volta eravamo più contenti,

e adesso viviamo tutti in modo peggiore.

Ma è ugualmente Natale anche se un po’ moscio,

e andiamo tutti in Piazza Duomo a fare lo struscio.

 

Con il buon augurio ai lucerini vicini e lontani,

per Natale, Capodanno e Befana.

Siamo alla fine e ve lo dico con molta chiarezza,

vi dovreste ricordare di mandarmi la mancia per le feste.