BBUCHICCHJE

PERSONAGGIO POPOLANO: BBUCHICCHJE

dal libro “Chi campa, véde” di Dionisio Morlacco

 

“ ……ai primi di settembre del 1902, il giovane Luigi Cinquia, a tutti noto col soprannome di Bbuchicchje, ferì gravemente alla faccia la fidanzata Matilde Biondi, per gelosia.

Ancora un paio di mesi dopo, mentre la Biondi era insieme alla madre e alla futura suocera, Bbuchicchje <<le fu addosso e la sfregiò novellemente alla faccia>>.

Le donne, nel tentativo di difendere la giovane, furono anch’esse ferite dal furibondo Bbuchicchje.

La povera Matilde, <<per la gravità delle ferite ricevute, fu subito trasportata all’ospedale, dove ricevette le prime cure e fu dichiarata guaribile oltre il ventesimo giorno, con deturpamento permanente>>.

Bbuchicchje fu presto arrestato e condotto al carcere, donde era uscito da pochi giorni prima, per aver scontato la pena inflittagli per il primo “sfegio”.

Non è da dire che tali atti di barbarie e di violenza fossero giustificati dalla cittadinanza, anzi “gli sfregiatori” restavano essi stessi segnalati per il loro comportamento, sicché difficilmente potevano riabilitarsi, del resto già la loro attività di facchini, banditori, di “aiutanti” li confinava in una modesta considerazione.

Così Bbuchicchje, il quale finì per fare lo strillone di giornali, per conto di Stella ‘a giurnaliste (Stella Gallo), donna altrettanto nota, che gestiva una rivendita in Piazza Tribunali, in un terraneo di fronte al monumento di Bonghi.

Quando Bbuchicchje, <<sémbe mizze a vvine>>, passava per le strade gridando “U Matine!” c’era sempre qualcuno pronto a divertirsi: “Pe qualche guagliunastre ére ‘na pacchje – pecché allazzava sémbe nu pernacchje. – Apprime nen decève ‘na parole. – Po’ se ngazzave: “Figghje de puttane!”. – A ‘na sfèrre mettève doppe mane – cacciannele d’a sacca marejole. – E cummenzave ‘a giostra cittadine. – Quille a ffuje, e Bbuchicchje sémbe arrète. – S’arrennève, e pe sta nu poche quiète – jève a truuà recitte nd’a candine>>.