CATAPANO COSTANTINO

Cliccare su “Poesie dialettali” nel MENU DI RICERCA per tornare all’origine 

 

“………..Costantino Catapano scriveva di getto nelle rarissime pause del suo lavoro, in versi liberi, efficaci, incisivi, che talvolta, in verità, accusano soluzioni affrettate. In Catapano non c’è ricerca stilistica, nè rispetto delle regole metriche, ma in ogni composizione c’è un detto, un termine, una locuzione tipica, degni di essere riproposti e fissati sulla carta, per non vederli scomparire del tutto nel vortice caotico della moderna evoluzione del linguaggio.

Per il poeta Catapano il vernacolo non è uno strumento ma un fine: usando il linguaggio della sua gente, egli tenta di salvare la memoria di personaggi caratteiristici (u ‘mbriacone, u spezèche, u ‘nenzuse, u crapare, u vusurare), le espressioni e i detti più incisivi e più autenticamente popolari. Lo scopo della sua scrittura, quindi, non consiste tanto nel fissare nei versi pensieri e immagini, quanto nell’evidenziare il modo con cui questi sono architettati ed espressi.

Costantino Catapano guarda al passato con apprensione e amore (U fucarille, sèmbe ca tarèngula menate, / pecchè nen s’appecciave maje a furnacelle, / sule nda nu vacile scuzzecate / na zènne de caravunèlle…), ma sa guardare anche al presente (a geventù a cchiane a cchiane ci ‘ha tassate, / ce stà danne ‘ngulle a vecchiaie: / mègghie accussì e nnò ati guaje.), e trovare la forza di rituffarsi nei segni di un mondo lontano, cercando con la sua parola di salvarne il ricordo.

Dalla prima lettura dei suoi versi, è facile definire Costantino Catapano un poeta dalla sottile ironia, dal sorriso bonario, dalla battuta facile. Ma scavando più a fondo, non può sfuggire la mesta pensosità che caratterizza i suoi passi migliori; pensosità che qui si risolve nel ritmo di una dolce cantilena (gnornò, gnornò, / adda èsse juste mò, / sennò aèsce u ‘capagrasse’, / v’acciaffe e nen ve lasse»), là nella constatazione di una più struggente realtà (Na parole tire a n’avete; / chi si ttù e chi sò ije: / se lassarene quilli duje, / decennese buscìje.), altrove, infine, nell’attenzione riservata a chi, per ritrovare affetto e calore, è costretto a rivolgere il suo sguardo oltre i confini della nostra realtà (Trème a ddinte a vecchiarelle, / nen trove recitte a puverèlle; / na sfère de sole vace a truvà, / ca, nu poche, se vole scalefà).

Una poesia, quella di Costantino Catapano, carica di amore per il suo paese, per le sue tradizioni, per il suo folklore; un tentativo di colmare il vuoto che sempre più minacciosamente tenta di annullare secoli di civiltà, di storia, di sforzi affannosi. E non possiamo dire di non esserci riuscito: le sue poesie, dense di richiami, di vocaboli rari, di cadenze strettamente popolari, la sua Raccolta di vocaboli singolari e in disuso, ancora inedita, e la raccolta dei Proverbi e modi di dire contribuiranno efficacemente a salvare, almeno in parte, l’autenticità del vernacolo lucerino, le più intime risonanze……”.

Michele Urrasio

 

Per leggere le POESIE, cliccare con il mouse sul titolo

‘A bbonaficiate

‘A cuccuuaje

A ddelecose

‘A ggeneje de mò

‘A mala lènghe

‘A mègghia cure

Aramaje cchjù

‘A sgallére

‘A trippe

‘A vetamobele

‘A zurubbette

Core d’abbrèje

L’èreve da casa mije

Nghiuttéve mmacande

Scapecerrate

Statte citte

U bbène a ppastizze

U ‘mbreiacone

U canèrze

U capagrasse

U crapareU dangale

U magna-magna

U munne de ogge

U nzenzuse

U pìnnele

U repassatore

U sciaske

U spìzéche

U vusurare

Virne de prime

Virne fore staggione