CÈSERE AUGUSTE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

CÈSERE AUGUSTE

Nu júrne, tramènde traséve ndo “Salvatóre”

da u viale che porte a Croce,

me songhe sendúte chiamà da ‘na voce

sèreje, putènde, … da Rrè.

Me songhe ggerate, nissciúne stéve arréte.

“Stènghe a qquà sópe, àgaveze l’úcchje”,

‘a voce nu poche ngazzate me dicije.

Íje guardaje e chi vedije: Cèsere Aguste.

Me facíje curagge e dicije “Che t’è succisse?”

“Ninde, ninde, me vogghje sulamènde sfugà

pecché stènghe abbattúte e penzerúse”,

me respunníje u mberatóre da sópe a llà.

“Ije quanne songhe arrevate a Lucére

m’ànne misse a mizze o lareghe, o cèndre d’u pajése

che bbanne, fanfarre, tanta ggènde ndevíse,

cumìzzeje, bbattemane e tande onóre.

Vicíne e capedepèzze, íje stéve bbùne,

facéve ‘a fegúra míje propreje da mberatóre,

sèmbe respettate, maje nu sgarre

e me gudéve u strussce e ‘a museche da bbanne.

Doppe ‘a guèrre m’ànne spustate a qquà

ndo arreve ‘na feleppíne che te pigghje l’osse

che a me e a u crijatúre che ténghe attaccate a cosse,

a cchiane a cchiane ci’a fatte ammalà.

A qquà nissciúne me porte respètte

e forse nen sanne manghe chi songhe state.

Quacche feténde i déte da mane m’a rútte

e pure u pídestalle m’ànne nguacchjate.

I vucille me cachene ngúlle e nissciúne me pulizze

e prime o dope me scuffuleje e bbonanotte e sunatúre.

Che peccate! Lucére ère nu pajése de culture

e mò a stanne destruggènne a pizze a pizze.

Ije da qquà sópe véde e sende tutte cose

e te diche che ce ne stíme jénne de quaglje,

e ije pe nen lucculà mi strènge u músse.

Doppe sti parole amare, susperaje e s’ammurraje.

 

CESARE AUGUSTO

Un giorno, mentre entravo nel “Salvatore”

dal viale che porta alla Croce,

mi sono sentito chiamare da una voce

seria, potente, … da Re.

Mi sono girato, dietro non c’era nessuno.

“Sto qua sopra, alza gli occhi”,

la voce un poco arrabbiata mi disse.

Io guardai e chi vidi: Cesare Augusto.

Mi feci coraggio e dissi “Cosa ti è successo?”

“Niente, niente, mi voglio solamente sfogare

perché sono abbattuto e pensieroso”,

mi rispose l’imperatore da sopra là.

“Io quando sono arrivato a Lucera

mi hanno messo in piazza duomo, al centro del paese

con banda, fanfare, tante persone in divisa,

comizi, battimani e tanto onore.

Vicino alle suore, io stavo bene,

facevo la mia figura proprio da imperatore,

sempre rispettato, mai uno sgarro

e mi godevo il passaggio e la musica della banda.

Dopo la guerra mi hanno spostato qua

dove arriva uno spiffero che ti prendo le ossa

che a me e al bambino che ho attaccato alla gamba,

piano piano ci ha fatto ammalare.

Qua nessuno mi porta rispetto

e forse non sanno neanche chi sono stato.

Qualche fetente le dita della mano mi ha rotto

e pure il piedistallo mi hanno imbrattato.

Gli uccelli mi fanno la cacca addosso e nessuno mi pulisce

e prime o dopo crollo e “buonanotte ai suonatori”.

Che peccato! Lucera era un paese di cultura

ed ora la stanno distruggendo a pezzo a pezzo.

Io da qua sopra vedo e sento tutti i discorsi

e te dico che ci stiamo degradando molto,

e io per non gridare mi stringo le labbra.

Dopo queste amare parole, sospirò e s’irrigidì.