CORE D’ABBRÈJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

Core d’abbrèje

Duje cumpàre, vune zuppe e n’avete cecate,

jèvene cercanne a lemòsene pe li strade;

u zuppe, apprufettanne ca l’àvete nen vedève,

‘nghiuttève tutt’isse, che’avève-avève.

Na vòte, u zuppe, avije na sfugliatelle;

u cecate, nen vedève, ma se n’addunave,

ca u zuppe, ammecciune, taffjave.

– « Cumbà, sènte n’addore tanta belle,

me pare cume fusse de sfugliatelle:

damme nu poche pure a mmè!

– « Quala sfugliatelle ha fatte a ttè,

na pastarelle, a ase – ase, agghje putute avè ».

‘Ndusecate, rumanije u povere cecate;

lassaje u cumbare, e tutt’arraggiate,

s’abbejaje, sule-sule, pe quella strade.

U diavele, cchè vulije,

ca nu trave, a strapizze, a mmizz’a vije,

avèvene misse pe nen fà passà.

U povere cecate, senza cumpagnije,

cape e noce de culle, ‘mbacce u trave ije a zzuppa.

U zuppe, core d’abbrèje, rerènne a sckattarelle,

decije: « Cumbà, mò nenn’àje

sentute a ddore u trave,

sentive sule addore d’a sfugliatèlle? ».

 

Cuore di ebreo

Due compari, uno zoppo e un altro cieco,

andavano cercando l’elemisina per le strade;

lo zoppo, approfittando che l’altro non vedeva,

mangiava tutto lui, qualsiasi cosa avesse.

Una volta, lo zoppo, ebbe una sfogliatella;

il cieco, non vedeva ma se ne accorgeva,

che lo zoppo, di nascosto, divorava.

– « Compare, sento un odore molto buono,

mi sembra come se fosse di sfogliatella:

dammi un poco anche a me!

– « Di quale sfogliatella stai parlando,

una pastarella appena-appena ho potuto avere ».

Amareggiato, rimase il povero cieco;

lasciò il compare e tutto arrabbiato,

s’incamminò solo-solo per quella strada,

Il diavolo che volle,

che una trave, di traverso, in mezzo alla strada,

avevano messo per non far passare.

Il povero cieco, senza compagnia,

andò a battere con la testa e il collo vicino alla trave.

Lo zoppo, cuore di ebreo, ridendo a crepapelle,

disse:  « Compare, ora non hai.

sentito  l’odore della trave,

sentivi solo l’odore della sfogliatella?».