CUMBA SAVEZÌCCHIJE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

CUMBA SAVEZÌCCHIJE

Maste Dumí, me arrevate ‘a penzióne

e dumane vache a sìgge a Poste.

So’ cundènde pecché me cagne ‘a víte.

Accussì decije nu clejénde a Papanonne.

 

Tramènde Papanonne u nzapunave, decije:

maste Dumí, doppe che agghje seggiute,

accatte mizze chíne de savizìcchije e t’a porte

accussì pure tu festigge e t’addecríje.

 

Doppe che u crestijane se ne jije

Papanonne decije a zijaneme che lavave i tijèlle:

“Dumane nen facènne u ragù ch’i frettatèlle

pecché u cumbare ce rrijale a savezìcchije”

 

‘A matíne dope u cumbare nn’arrevave

e stunate da zijaneme che avèva cucenà,

papanonne se mettíje o mbuste a smercijà.

Aspitte, aspitte ma u cumbare nen se vedéve.

 

Doppe na bbèlla mèzzorètte e chhjù, vedíje

che tramende mettévene i manefèste i múrte

‘a ggende se fermave maravigliate.

Papanonne, p’a curiusetà, s’avvecenaje.

 

I stéve venènne nu nzúlete a Papanonne

appéne leggèije u nnome sope o manefèste.

Nen ce credève e leggíje doje o trè vóte

e che l’àneme mbonde e dínde, turnaje o salóne.

 

Da tanne, ógne vóte che quacche clejènde

prumettève a Papanonne nu rijale, nu presènde

isse decéve: “Cumbà nen me prumettène ninde

sennò dumane íje rèste addejúne e tu fenisce ndo tavúte”.

 

COMPARE SALSICCIA

Maestro Domenico, mi è arrivata la pensione

e domani vado a riscuotere alle Poste.

Sono contento perché mi cambia la vita.

Così disse un cliente a mio nonno.

 

Mentre mio nonno lo insaponava, disse:

maestro Domenico, dopo che ho riscosso,

acquisto mezzo chilo di salsiccia e te la porto

così anche tu festeggi e ti delizi.

 

Dopo che la persona se ne andò,

il nonno disse a mia zia che stava lavando le pentole:

“Domani non fare il ragù con le frittatine

perché il compare ci regala la salciccia”

 

La mattina dopo il compare non arrivava

e stonato da mia zia che doveva cucinare,

mio nonno si mise in attesa a sbirciare.

Aspetta, aspetta ma il compare non si vedeva.

 

Dopo una bella mezzoretta e più, vide

che mentre mettevano i manifesti mortuari

la gente si fermava meravigliata.

Mio nonno, per la curiosità, si avvicinò.

 

Gli stava venendo un malore al nonno

appena lesse il nome sul manifesto.

Non ci credeva e lesse due o tre volte

e con tristezza, tornò al salone.

 

Da allora, ogni volta che qualche cliente

prometteva un regalo, un presente al nonno,

lui diceva: “Compare non mi promettere niente

altrimenti domani io resto digiuno e tu finisci nella bara”.