FÍNEMEZZEJÚRNE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Ascanio Iliceto per tornare all’indice

ASCANIO ILICETO

Per ascoltare la poesia cliccare con il pulsante sinistro del mouse su del player.

 

FÍNEMEZZEJÚRNE

A finemezzejúrne, a l’óre d’a calandrèlle,

mamme, doppe u rezzìreje d’a cucine,

ce facéve caccià i mosche ndò suttane,

mméce de farce sberrijà ch’i cumbagnille.

 

A quell’ore nge cammenave nessciune,

e tutte i porte de rète érene appannate

p’addefresckà suttane e supranètte

pecché p’u cavede érene cum’e furne.

 

Mamme, pe svendelijà ce deve i mappine

e mettéve u cchjù grusse a sbatte ‘a porte.

Cume ‘na precessione, che èsse arréte,

vuttavame i mosche vèrse ’a vetrine.

 

Doppe “’a caccciate i mosche” da u suttane,

vulevame asscì ammizze ‘a strade assulate

ma mamme ce faceve sta citte e quiete

chi menacce e c’a paure d’i papune.

 

A quell’ore ce putevene fà ‘na condravenzióne,

se putèvene ngazzà i vecine de case,

putéve asscì: “Nannurche” o “U Capagrasse”

e nuje p’a paure ce stemme ndo suttane.

 

Mò ije nen agghje maje capite, pecché quiste

stévene sembe mbustate o finemezzejúrne.

Ma quiste, i mosche nn’i cacciavene?

Nen tenevene suttane e supranette?

 

FINE MEZZOGIORNO

A fine mezzogiorno, all’ora della canicola,

mamma, dopo aver pulito la cucina,

ci faceva cacciare le mosche nel terraneo,

invece di farci scorrazzare con i compagni.

 

A quell’ora non ci camminava nessuno,

e tutte le porte di dietro erano socchiuse

per rinfrescare i terranei e gli appartamenti al primo piano

perché per il caldo erano come forni.

 

Mamma, per sventolare ci dava gli stracci

e metteva il più grande a sbattere la porta.

Come una processione, con lei indietro,

spingevamo le mosche verso la vetrina.

 

Dopo “la cacciata delle mosche” dal terraneo,

volevamo uscire in mezzo alla strada assolata

ma mamma ce faceva sta zitti e quieti

con le minacce e con la paura dell’uomo nero.

 

A quell’ora ci potevano fare una multa,

si potevano arrabbiare i vicini di casa,

poteva comparire: “Nonno orco” o “il Testa grassa”

e noi per la paura ci stavamo nel terraneo.

 

Ora io non ho mai capito, perché questi

stavano sempre appostati a fine mezzogiorno.

Ma questi, le mosche non le cacciavano?

Non avevano terranei o case al primo piano?