I DOJE CUMMARE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

I DOJE CUMMARE

Doje cummáre s’èrene fátte ‘na bbèlle magnáte de lambasciúne fritte ndúrate,

sènza crijánze e da jénghe ‘a trippe cúm’e ‘na pellècchje sterenecchjáte.

’U júrne appirze, tramènde stévene o’ cambesánde,

 a tutt’e ddoje i venije ‘na bbotte de cacarélle che quáse s’à facévene nd’e mutánde.

 

Jirene a ffà ‘i fátta lóre arrét’a ‘na frátte,

quátte quátte e da sendirse sfátte.

Po’ vúne deceje a l’àvete: Ninè ma mò cúme ce pulezzáme?

Nge vogghje jì tutta nguacchjáte e da fóre u panuráme!

 

Respunníje Carmelíne: íje me pulizze bbùne bbùne ch’i mutánde e po’ i jétte,

n’aspettánne u panarille da ngíle che nge stáce mánghe nu fugliétte!

Ninette: Meh! I mutánde sò nove nove, i ténghe angóre cúm’e nu gengille,

pigghje ‘nu mazzetille de fiúre da ‘na tombe e me pulizze pe quille!

 

U doppe magnáte se truuarene i marite tutte ngazzáte,

smaniúse, nervúse, gastemánne cúm’e scumunucáte.

Sbuttáje pe l’úcchje da fóre u maríte de Ninètte,

pegghjánne quill’avète a braccètte:

 

Tunnì, mugghjéreme o’ cambesande pe Carmeline ‘nge váce cchjù,

è tuurnáte a’ cáse sènza mutánde, cúm’e ‘na puappù.

Tunnille: Pascale, fámme nu piacére, te laminde tu,

c’agghja ddì íje che p’a cápe nge sténghe cchjù.

 

Quèlla fetènde s’è presendá a’ cáse tutta ngujéte,

 c’u nu bbegljètte appezzavate o’ cule arréte: ‘

: “GLI AMICI DEL BAR NON TI DIMENTICHERANNO MAI!!!”

 

LE DUE COMARE

Due comare si erano abbuffate con una bella mangiata di lampascioni fritti indorati,

senza ritegno e da riempire la pancia come una pelle stiracchiata.

Il giorno dopo mentre si trovavano al cimitero,

tutte e due furono colte da un attacco di diarrea che quasi se la facevano addosso.

 

Andarono a defecare in un cespuglio,

di nascosto e da sentirsi disfatte.

Allora una disse all’altra: Ninetta adesso come ci puliamo?

Non mi piace rimanere imbrattata e con il sedere di fuori!

 

Rispose Carmelina: io mi pulisco con le mutandine e poi le butto,

non puoi rimanere ad aspettare chissà che, perché non c’è neanche un foglietto.

Ninetta: Dai! Le mutande sono nuove, e le tengo come un gingillo,

io prendo un mazzetto di fiori da una tomba e mi pulisco con quello!

 

Nel pomeriggio si incontrano i rispettivi mariti, veramente arrabbiati,

smaniosi, nervosi, bestemmiando come scomunicati.

Esplose con gli occhi di fuori il marito di Ninetta,

prendendo l’altro sottobraccio.

 

Tonino, mia moglie al cimitero con Carmelina non ci va più,

è tornata a casa senza mutande come una donnaccia.

Pasquale, per favore, ti lamenti tu,

e cosa dove dire io che con la testa non ci sto più.

 

Quella mascalzona è tornata a casa tutta su giri,

con un bigliettino tra le chiappe con scritto:

“GLI AMICI DEL BAR NON TI DIMENTICHERANNO MAI!!!”