I SEPPÓSTE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

I SEPPÓSTE

Vuléve sbátte ‘a cápe mbácce o’ múre,

se sendéve cúm’e vúne pe ‘na fattúre,

chjíne de mícche che i culáve d’o náse,

tánde che p’a mbruènze se raccumannáje a Sambijáse.

 

Stève aperte ‘na farmacíje manumále,

e decedije de jì pe ccunziglje d’o speziále:

“Dottò, sténghe accise e misse ngroce,

me fánne mále l’ossere e sò sènza voce”.

 

 “P’a mbruènze stáce ‘sta pínele grosse grosse,

che váce bbène p’a cápe, pe ngánne e p’i cosse,

se po’ a quèlla bbrùtte tosse vúje remedijà,

‘stu cofene de sscerùppe te pegghijà.

 

Dottò,  agghja avúte púre nu feláte nd’i ríne,

véde i celizzeje da sère a matíne,

quánne me véne me fázze zùppe zùppe de sedóre,

e p’i lucchele mètte ‘a cáse sckitte a rremóre.

 

Pe stu malánne stáce ‘sta cúre de seppóste,

e pe ‘sti delúre è fátte abbèllappòste,

stánne dìce tutte nda nu sckatelóne,

ma sò accussì llonghe e ttoste da fà mbressióne.

 

Dottò, lásse stà u múnne cúme se trove,

pecché nen me ngozze de fà ‘sta prove,

mò è sénde a mmè e fátte passà ‘sti fandasíje,

me sapisse a ddì  a nd’ò stáce n’ata  farmacíje? “

 

LE SUPPOSTE

Voleva sbattere la testa contro il muro,

si sentiva come uno a cui avevano fatto una fattura,

pieno di muco che gli colava dal naso,

al punto che per l’influenza si raccomandò a San Biagio.

 

Era aperta una farmacia menomale,

e decise di chiedere consiglio al farmacista;

“ Dottore, sto veramente male,

ho tutte le ossa e sono senza voce”.

 

“Per l’influenza c’è questa pillola enorme,

che va bene per la testa, per la gola e per le gambe,

se poi a quella brutta tosse vuoi rimediare,

questa bottiglia grandissima di sciroppo ti devi pigliare.

 

Dottore ho anche una fitta nel fianco,

sento sofferenza dalla sera alla mattina,

quando mi colpisce divento tutto sudato,

e con le mie urla incasino la mia casa.

 

Pe questo malanno c’è una cura di supposte,

che per questi dolori sono prodotte appositamente,

ce sono dieci tutte in uno scatolone,

ma sono così lunghe e dure da fare impressione.

 

Dottore, lascia stare il mondo così com’è,

perché non mi va proprio di fare questa cura,

adesso ascoltami bene e fatti passare queste fantasie,

mi sapresti dire dove posso trovare un’altra farmacia?