U CIUCCE I DUJE PATRUNE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Ére nu ciucce speciale, tutte bbèlle e ffategatóre assàje; se menave a rrutt’e ssane sènza maje lamendarse, pure p’u magnà.

Però, agghja dì chè l’ùneca desgrazzeje chè i capetàje ére quèlle d’avè duje patrune.

Pòvere ciucce!…. Nu jurne u prime patróne se scurdàje de jirl’a gguvernà e arrevàje ‘a sére, e u pòvere ciucce, citte, nen tróve u magnà…. Mò’ l’atu patróne nze n’addunaje chè u cumbagne ne ll’avéve guvernate. E ccussì passàje ‘a nòtte.

‘A matìne apprisse ne ndande stéve stalligne l’annemale, ma l’atu patróne decìje: “Ije créde ca quèste nenn’éje ‘a jurnata juste pe ffarle tròppe fategà….”.

Cussì nu jurne e n’atu jurne e n’àvete angóre… Avèvene pròbbete pegghjate u lissce, e mmò’ vune e mmò’n’àvete se ne scurdàvene de guvernarle.

Ndande, però, nessciune se cumbussave.

U pòvere ciucce jéve sèmbe cchjù llinde e ppègge, se ne jéve arréte arréte… Fin’e qquanne nu bbèlle jurne u truuàjene c’a cape ammucciate dind’a mangiatóre.

 

L’ASINO DEI DUE PADRONI

Era un asino speciale, ben messo e gran lavoratore; si buttava a capofitto in ogni cosa e non si lamentava mai, nemmeno per il cibo.

Però, devo che l’unica disgrazia che gli era capitata era quella di avere due padroni.

Povero asino!… Un giorno il primo padrone si dimenticò di andare a governarlo e, arrivata la sera, il povero asino, zitto, non trovava cibo… Ora accadde che l’altro padrone non se n’era accorto che il combagno non gli avava dato fa mangiare. E così passò la notte.

La mattina dopo l’animale non stava tanto arzillo, così l’altro padrone disse: “Penso che questa non sia la giornata adatta a farlo lavorare troppo”.

Così un giorno e un altro giorno e un altro giorno ancora…… Avevano preso proprio l’abitudine, e ora l’uno, ora l’altro, se ne dimenticavano di governarlo.

Intanto, però, nessuno dei due si confessava.

Il povero asino andava sempre più indebolendosi e peggiorando, andava indietri indietro…. Fin quando un bel giorno lo trovarono con la testa piegata in giù nella mangiatoia.