U FATTE U CAFÓNE CA TENÉVE SÉTE

Cliccare su questo pulsante Racconti -Novelle per tornare all’elenco dei Racconti – novelle

 

Tratto dal libro “RACCONTI FAVOLE E LEGGENDE POPOLARI DI LUCERA” di Lella Chiarella e Domenico D’Agruma

Dunghe, quanne i fatighe d’a cambagne se facèvene tutt’a mmane, màsseme quann’ére u timbe d’a meteture, i cafune durmèvene fóre. E ògn’e mmassarije tenéve nu cammaróne appóste pe ffà dòrm’i cafune, e sse chiamave a “cafunarìje”. Dind’a stu cammaróne, anzim’e cafune durméve pure u capurale e ddurméve annanze pe cundrullà e pecché ére u pòste cchjù ffriscke.

‘Na notte, vune d’i cafune, chisà chè ss’éve magnate salate, tenéve séte e sse rengresscéve d’arrevà o’ puzze pe vvéve, e sse lagnave sèmbe: “Madònne, e cchè sséte!”. U capurale mò’ sendéve e stéve citte. Passàje n’atu póche de timbe, e qquiste da cape: “Madònne, e cchè ssète! Mò’ me móre p’a séte…”.

A stu punde u capurale se stangaàje a ssènde: “Tunnì’, vamm’a ppegghjà ‘na vèppete d’acqua frèsck’o puzze..”. “Sùbbete, capurà’”. Zumbàje cum’e nu grille, pegghjàje l’acque e a mettìje nd’u cìcene.

Currìj’a ndò u capurale: “Capurà’, l’acqua frèscke!”. E u capurale, sòtt’a bbòtte: “Ca te pòzzen’accìde, strafùche e cciche… Fa’ dòrme pur’a nnuje ca stime stracque!…”.

 

IL FATTO DEL CAFONE CHE AVEVA SETE

Dunque, quando i lavori di campagna si facevano tutti a mano, specialmente durante il tempo della mietitura, i cafoni dormivano in campagna. E ogni masseria aveva un camerone apposta per far dormire i cafoni, e si chiamava “cafoneria”. In questo camerone, insieme ai cafoni, dormiva anche il caporale e dormiva nella parte anteriore, per vigilare e perché era il posto più fresco.

Una notte, uno dei cafoni, chissà che cosa aveva mangiato di troppo salato, aveva sete e s’infastidiva ad andare a bere al pozzo e si lagnava continuamente: “Madonna, che sete!”. Il caporale intanto sentiva e stava zitto. Passò un altro po’ di tempo, e questo di nuovo: “Madonna, che sete! Muoio di sete…”.

A questo punto il caporale, si stancò di sentire. “Tonì’, vammi a prendere un po’ di acqua fresca al pozzo..”.

“Subito, caporà’”. Saltò come un grillo, prese l’orciolo, gettò via l’acqua calda, corse al pozzo e col secchio prese l’acqua e la mise nell’orciolo.

Corse dal caporale: “Caporà, l’acqua fresca!”. E il caporale, immediatamente: “Che ti possano ammazzare, bevi e chiudi gli occhi.. Fa’ dormire anche noi, che siamo stanchi!…”