U JÚCHE D’U CURLE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Raffaele Montanaro per tornare all’indice

RAFFAELE MONTANARO

U JÚCHE D’U CURLE

Quánne nze jucáve angóre c’u pallóne,

e nge stève nné ‘a radeje e púre ‘a tèlèvesjóne,

nné scíppe, droghe e camorre,

se ce svagáve c‘u curle e c‘a morre.

 

I curle ì vennéve Vecióne,

che ère nu pízze de umacchjóne,

quácche vóte púre ‘a mugghjére,

e a parlarce che tutt’e duje ère nu piacére.

 

U curle se jucáve sèmbe a l’àreje apèrte,

pe óre e ore da rumanì a voccapèrte,

pecché ère nu bbèlle devertemènde,

che ddevendáve nu sorte de cumbattemènde.

 

S’arravugghjáve ‘a zacagghje è po’ u sbummáve,

e povere sòtt’a chi ce capetáve,

citte, citte, s’avéva bbusckà i bbòtte,

facénne speránze sóp’a n’avète che u luuáve d’a ssòtte.

 

Chi tenéve u curle cchjù setèlle,

c’a mmáne che assemègghjáve ‘na palummèlle,

apprime se vevéve pe delìzzeje,

u ssceruppe fátte che acque e laulìzzeje.

 

‘A sère strútte e stracque a cáse se tuurnáve,

e pán’e pemmedóre se magnáve,

se decéve i ggrazziúne a Ggese Criste,

e po’ a dorme cúm’e scannáte e ffà nu súnne máje viste.

 

LA TROTTOLA MAGICA

Quando ancora non si giocava a pallone,

e non c’era né la radio e neanche la televisione,

ne scippi, droghe e camorra,

ci si divertiva con la trottola e con la morra.

 

Le trottole le vendeva Vecióne,

che era un pezzo d’uomo,

qualche volta anche la moglie,

e farsi spiegare come giocare da tutti e due era un piacere.

 

La trottola si giocava sempre all’aria aperta,

per ore e ore da rimanere incantati,

perché era un bellissimo divertimento,

che diventava una specie di combattimento.

 

Si avvolgeva la funicella e poi si lanciava,

e povero a chi sotto ci capitava,

in silenzio, si prendeva le botte,

sperando che qualcuno altro prendeva il suo posto.

 

Chi faceva girare sul palmo la trottola come una seta,

con la mano che sembrava una farfallina,

per primo aveva diritto a bere per soddisfazione,

lo sciroppo fatto con acqua e liquirizia.

 

La sera stanchi e distrutti a casa si tornava,

e pane e pomodoro si mangiava,

si recitavano le preghiere al Signore,

e poi a dormire profondamente per ore.