U MUNNE DE OGGE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U munne de ogge

Che na ceste di zètele ‘ngape,

che na vàreve ‘ngrefelejate,

sì nu zurre o sì na crape?

Mò sì sciute d’a varrate?

Nenn’àje vulute attènne a scole,

a fatiche nen t’engozze,

vaje facènne u straqquachiazze,

che na manejate de sfacciatazze.

Tu, sì probbete nu pane perze,

frusce denare da qquà e da llà;

pàtete nen te vède, màmmete andò stà?

i denare, pe sapè, chi ti dà?

Nen facènne a facce d’u nnucènte;

cum’è ttè facève Mammelangiunge,

chè, a notte jève accapezzanne i vùve

e, a matìne, avève pavure

di corne di ciammaruchèlle!

 

Il mondo di oggi

Con una cesta di setole in testa,

con una barba incolta,

sei un caprone o sei una capra?

Ora sei uscito dal recinto?

Non hai voluto studiare,

il lavoro non ti piace,

vai solo facendo il fannullone,

con un sacco di ragazze poco serie.

Tu, sei proprio un buono a nulla,

sprechi i soldi in giro;

tuo padre non ti vede, tua madre dove sta?

i soldi, per sapere, chi te li dà?

Non fare la faccia dell’innocente;

come te si comportava Mammelangiungele,

che alla notte andava a rubare i buoi

e al mattino aveva paura

delle corna delle lumache.