U SPÌZÉCHE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U spìzéche

Nu ricche spìzèche,

ch’èra murte a l’impruvvise,

s’ève sunnate de darese da fà,

pe vedè de trasì ‘mbaravise:

quanne, però, a llà ce decirene:

« ce vole a dumande ‘n carta bullate »,

s’arruvutaje, ma denare apprisse nn’avéve purtate.

 

Lo spilorcio

Un ricco spilorcio,

che era morto all’improvviso,

aveva sognato di darsi da fare.

per vedere di entrare jn paradiso:

quando, però, all’ingresso gli dissero:

<<ci vuole la domanda in carta bollata>>,

rovistò, ma soldi dietro non ne aveva portati.