U VUSURARE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

 

 

 

COSTANTINO CATAPANO

U vusurare

Na vòte, u vusurare, ère nu ‘nzenzuse,

che nu farcettone ‘ngulle, sdellanzejate,

‘ngape, na scazzètte chelore di cane quanne fuje,

‘a giacchètte e u cavezone arrepezzate,

i paiole asciùte e i sòle sfunnáte.

Sule-sùle, cum’è nu cane,

‘nghiuse dint’a nu suttane;

‘ndà buffètte, nu stuzze de pane tuste,

e ‘ndà fiaschèlle nu buffele de vine acìte.

Sop’u suppìgne, nu scarajàzze;

nu mmèska-pèska, ca nenn’àje cchè vedè.

A sère, a porte chi sbarrune varrejave,

che na lucernèlle a uglie s’encecalève,

a cuntà denare, isse, se cunzulave.

Zucasànghe de crestejane,

u ‘ndennèvene, ammecciune, i puvurètte,

ca, cucce-cucce, l’avèven’a ì a truvà,

purtannece na cose da ‘mbegnà:

doppe tanta stind’è-stande,

duie solde i dève, a ase-ase;

chè di guaie de l’avète, probete, nenn’imburtave,

nenn’i spejave manche ‘mbacce e i mannàve.

Mò, i cose sò cagnate:

u vusurare tène tutt’i cummudetà,

i sfizeje si pigghie ‘nquantetà;

a vetamobele, fèmmene e festine,

passe a vite a mmizz’a na mmujne.

I dète ‘mbrellandate, u llorge d’ore,

isse ce tène a fà u segnore;

te rìre ‘mbacce, pegghiànnete pe fèsse;

scialaqquèje, tutte ‘mbambalute,

e se paprejèje chi fantuppine mezz’a nude.

U pover’ome, ch’ave besugne de denare,

na «lènghe de vòve », baste ca isse ‘nguacchie,

àve nu tirze de quille ca pò adda dà,

e già sape, ca nen pote cchiù pagà!

 

L’usuraio

Una volta, l’usuraio, era una persona sporca

con addosso uno scialle tutto strappato;

in testa un berrettino di colore indefinito,

la giacca ed i pantaloni rammendati,

le scarpe sciolte e le suole sfondate.

Solo, solo, come un cane,

rinchiuso in un terraneo;

nella credenza, un pezzo di pane duro,

e nella fiasca un goccio di vino acido.

In soffitta, un giaciglio,

un disordine incredibile.

La sera chiudeva la porta con la sbranca,

con una piccola lampada ad olio si faceva luce

e si consolava a contare i soldi.

Succhia sangue delle persone,

lo chiamavano, di nascosto i poveretti,

che, zitti-zitti, dovevano andare a trovarlo,

portandogli una cosa da impegnare:

dopo un tiro e molla,

gli dava appena due soldi ;

che dei guai degli altri non le importava niente,

non li guardava neanche in faccia e li mandava via.

Ora, le cose sono cambiate:

l’usuraio ha tutte le comodità,

le voglie se le fa passare in quantità;

l’automobile, donne e feste,

passa la vita in mezzo alla baldoria.

Le dita inanellate, l’orologio d’oro,

ci tiene a fare il signore;

ti ride in faccia, prendendoti per fesso;

spende e spande, imbambolato,

e si diverte con le ragazze mezze nude.

Il povero uomo che ha bisogno di soldi,

basta che firma una cambiale e

ha un terzo di quello che poi deve restituire,

e già sa, che non può più pagare.