VIRNE DE PRIME

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

  

 

COSTANTINO CATAPANO

Virne de prime

U fucarile, sèmbe ca tarèngula menate,

pecchè nen s’appecciave maje a furnacelle,

sule ndà nu vacile scuzzecate

na zènne de caravunèlle,

pe scalefà na scuscenata vicchiarelle.

I guagliune, ca s’embruscenejàvene dint’a nève,

che ccèrte sckacchètte ‘mbacce ti vedive;

e, quanne nn’avèvene cchè magnà,

i tandille ti vidive rusecà.

 

L’inverno di una volta

Il camino, sempre con il nottolino tirato,

perché non si accendeva mai la fornacella,

solo in un bacile scrostato

un poco di carbonella,

per riscaldare una vecchietta malandata.

I ragazzi, che si rotolano nella neve,

hanno le guance arrossate;

e quando non avevano nulla da mangiare,

li vedevi rosicchiare i ghiaccioli.