VIRNE FORE STAGGIONE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Costantino Catapano per tornare all’indice

 

  

 

COSTANTINO CATAPANO

Virne fore staggione

P’u fridde, se trème u taccòne,

èje virne fore staggione;

ce vòle a cuvèrte sop’u lenzule

e, ‘ndavele, na pignate de paste e fasùle.

Àja tenè attezzate pure u ceppone

e a furnacelle cu caravone.

Trème a ddinte a vecchiarelle,

nen trove recitte a puverèlle;

na sfère de sòle vace a truvà,

ca, nu poche, se vòle scalefà.

 

Inverno fuori stagione

Per il freddo, si trema,

è inverno prima del tempo;

occorre una coperta sopra il lenzuolo

e, in tavola, una pentola di pasta e fagioli.

Devi tenere viva anche il ceppo nel camino

e la cucina a carbone.

La vecchietta batte i denti,

non trova ricetto la poverina;

una sfera di sole va a cercare,

per riscaldarsi un poco.