VULARRÍJE TENÈ ANGÓRE TÍMBE

Cliccare su questo pulsante  Poesie di Michele (Lino) Montanaro per tornare all’indice

MICHELE (LINO) MONTANARO

VULARRÍJE TENÈ ANGÓRE TÍMBE

‘Sta víta nostre è n’affacciate de fenèstre,

cèrte vóte è accussì rrepezzáte che vúne sfenèstre,

èssa è ttroppa córta e tu ce scummitte,

nzáje che u uàje arríve quánde mánghe te l’aspitte.

 

‘Sta víta nostre è fátte de sagrefìceje, prèjezze e delóre,

púre si ógne tánde ce passe ‘na máne de chelóre,

spisse i júrne sò cendrúne e nzonne ttutte súzze,

e quille bbrùtte nze ponne scangellà c’u pennellúzze.

 

Ma íje vularríje tenè angóre tímbe prime de chjude ‘a porte,

 aspettánne de fà punduále ‘na bbona e ssánda morte,

pe pruuvà ‘n’ata vóte quille córe de nennille,

quánne ch’i cumbágne javáme a pazzijà nd’a Ville.

 

Ma íje vularríje tenè angóre tímbe prime de chjude ‘a porte,

 aspettánne de fà punduále ‘na bbona e ssánda morte,

de truuvarme pe tutte quille che da mè ànne avúte nu túrte,

pe fálle capì che tánde vóte nen me ne sò mánghe accúrte.

 

Ma íje vularríje tenè angóre tímbe prime de chjude ‘a porte,

aspettánne de fà punduále ‘na bbona e ssánda morte,

de putè venì n’ata vóte a Lucére e fà u strussce d’auste,

e magnarme nu pasckarílle che tánda guste.

 

Ma i júrne passene e ógne matíne ddevènde sère,

e ‘sta víte éje sémbe cchjù corte e sèmbe cchjù frustère,

pe ‘sti tárle  pásse i notte scetáte e sènza cujéte,

e pe truuvà nu poche de recítte ‘a matíne le corre arréte.

 

VORREI AVERE ANCORA TEMPO

Questa nostra vita è un’affacciata alla finestra,

alcune volte è così rattoppata che uno da i numeri,

essa è troppo corta e tu ci scommetti

non sai che il guaio arriva quanto meno te lo aspetti.

 

Questa nostra vita è fatta di sacrifici, di gioie e di dolori,

anche se ogni tanto ci dai una mano di colore,

spesso i giorni sono come grossi chiodi e non sono tutti uguali,

e quelli brutti non si possono cancellare con una pennellata.

 

Ma io vorrei avere ancora tempo prima di chiudere la porta,

aspettando di fare puntuale una bella morte,

per provare ancora una volta quelle sensazioni di bambino,

quando con gli amici andavamo a giocare in Villa.

 

Ma io vorrei avere ancora tempo prima di chiudere la porta,

aspettando di fare puntuale una bella morte,

di incontrare tutti quelli a cui ho fatto un torto,

per chiarire che tante volte non me ne sono neanche accorto.

 

Ma io vorrei avere ancora tempo prima di chiudere la porta,

aspettando di fare puntuale una bella morte,

di poter tornare ancora a Lucera e fare lo struscio di agosto,

e mangiarmi un gelato a pieno gusto.

 

Ma i giorni passano e ogni mattina diventa sera,

questa vita è sempre più corta e sempre più forestiera,

e con queste ossessioni passo le notti insonni e senza quiete,

per cercare un pò di riposo la mattina devi corrergli dietro.